Coperture e lucernari: Come prevenire il rischio di caduta dall'alto?

Coperture e lucernari: Come prevenire il rischio di caduta dall'alto?

Solitamente le coperture di edifici industriali presentano numerosi lucernari e cupolini non calpestabili. Come è possibile prevenire il rischio di caduta dall'alto, ad essi correlato, durante gli interventi effettuati in copertura?

Il D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 Testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro stabilisce le norme che regolano la prevenzione degli infortuni derivanti dal lavoro in quota, definito come un insieme di attività che espongono il lavoratore al rischio di caduta da un'altezza superiore ai 2 m rispetto ad un piano stabile. Uno dei rischi statisticamente rilevanti determinati dai lavori in quota riguarda la caduta a seguito dello sfondamento dei lucernari in quanto, durante interventi o manutenzioni effettuati sulle coperture di edifici industriali, è frequente che il piano di lavoro presenti lucernari e cupolini non calpestabili. Quando viene effettuata una valutazione dei rischi risulta quindi fondamentale considerare anche la possibilità di sfondamento dei lucernari, cupolini o altre finestre non calpestabili.

L'art. 111 del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 "Obblighi del datore di lavoro nell'uso di attrezzature per lavori in quota" impone che, nei casi in cui gli interventi temporanei in quota non possano essere eseguiti in condizioni di sicurezza ed ergonomiche adeguate, il datore di lavoro debba predisporre attrezzature idonee a garantire la sicurezza dei lavoratori. La norma definisce inoltre i criteri sulla base dei quali la messa in sicurezza debba essere progettata, ad esempio:

  1. Priorità alle misure di protezione collettiva rispetto alle misure di protezione individuale;
  2. Dimensioni delle attrezzature di lavoro adeguate alla natura dei lavori da effettuare, alle sollecitazioni prevedibili e alla sicurezza della circolazione.

Di recente la nostra Divisione Ricerca e Sviluppo è stata incaricata della realizzazione di un progetto per la copertura di un grande stabilimento italiano, al fine di porre in sicurezza i lucernari che si estendono per circa 2 km. Il progetto ha previsto l’installazione di una serie di telai rimovibili affinché eventuali operazioni di manutenzione, come la sostituzione dei cupolini in policarbonato, siano sempre eseguibili. I telai installati sono composti da una struttura angolare in acciaio e una maglia di rete elettrosaldata che impedisce la caduta accidentale degli operatori e lo sfondamento del cupolino. Lungo le medesime tratte dei lucernari sono presenti degli evacuatori di fumo e calore automatici, attivabili in caso di incendio. Per la messa in sicurezza di questi particolari elementi è stata installata una rete su misura interna che non ostacoli in alcun modo il corretto funzionamento degli evacuatori.

Richiedi una consulenza con i nostri tecnici per la messa in sicurezza dei tuoi lavori in quota.